ABOUT US

CHI E QUANDO

PIG’OH nasce da una amicizia, e la sua storia comincia a metà del 2012.

Marco e Ilaria si conoscono. Non potrebbero essere più diversi. Ok che gli opposti si attraggono, ma nulla fa presumere che possano avere in comune un obbiettivo, la motivazione per perseguirlo e la forza per provarci.

COSA

Nel 2013 nascono i primi oggetti, caratterizzati dal riuso: la linea TIP TAP, orecchini e collane fatti con le capsule di metallo che chiudono i tappi di sughero delle bottiglie di vino.

Nel 2014 la continua sperimentazione porta alla nascita della serie RE-line, collane minimaliste che abbinano elementi tipici di un cantiere: tubi di gomma, raccordi in rame, bulloni.

Nello stesso periodo inizia la collaborazione con il primo punto vendita, e arrivano le prime richieste di prodotti da parte di clienti privati.

Il 2015 nasce la linea Plexi, bracciali in policarbonato completamente personalizzabili, e comincia la produzione della linea Elettro, collane e bracciali che uniscono l’energia allegra di cavi elettrici rivestiti di tessuto con l’utilizzo del legno d’ulivo da parquet.

Parallelamente prende vita la linea di complementi d’arredo, anch’essa frutto della trasformazione dell’esistente, come le sedie CULT e la libreria SUPPORTAMI.

Nello stesso anno la prima partecipazione all’evento Recycle and Co. durante il festival di INTERNAZIONALE sancisce il vero inizio del percorso professionale.

Nel 2016 PIG’OH perde la forma dell’hobby e acquista la forma della professione. Marco lascia il suo precedente impiego e si dedica completamente al progetto PIG’OH. Inizia il percorso di crescita attraverso la ricerca di nuove competenze e la partecipazione ad eventi come il FUORISALONE e la fiera HOMI Sperimenta.

CHI SIAMO

icon box image

ILARIA BARALDI

Ama l’acqua che toglie gravità, i felini, tatuarsi, guardare trailer al cinema, l’effetto estetico e taumaturgico dell’ordine perfetto.
Spesso si chiede ancora cosa farà da grande; sicuramente non la ballerina né l’astronauta.

Di Marco dice:
É un tipo di ipercinetico generoso finora a me sconosciuto.

icon box image

MARCO PIGOZZI

Vive nel caos creativo, va pazzo per la nutella, ama il profumo del legno e la sospensione che regala la nebbia negli inverni padani. È di quelli per cui una cosa è bella solo se funzionale, il che lo pone, a suo dire, con non dissimulato orgoglio, agli antipodi dell’architettura.

Di Ilaria dice:
Andare con lei in ferramenta è come portare un bambino a Disneyland.